Quando il vibratore si cuce addosso, proprio come una camicia: ecco come sceglierlo
rabbit per stimolazione clitoridea

Cos’è un vibratore?

Un vibratore è un sex toys molto utilizzato sia nell’autoerotismo che nel sesso di coppia, ci sono vari tipi di vibratori in commercio, la scelta può variare in base all’esperienza che si vuole provare, e al nostro gusto sia estetico che funzionale.

I vari tipi si vibratori.

i vibratori, variano di lunghezza, forma, colore e materiale, possiamo scegliere il vibratore sia in base al tipo di orgasmo che voliamo provare, clitorideo,vaginale o anale, sia in base alla grandezza che vogliamo provare al momento dell’utilizzo. Inoltre se si usa in coppia possiamo scegliere il vibratore con l’ausilio del nostro partner.

Consiglio sul primo vibratore d’acquistare.

Acquistare il primo vibratore, può crearci un certo imbarazzo, se non vi sentite pronti a mettere piede in un sexy shop, potete sempre ordinare il vostro vibratore su internet grazie alla discrezione dei siti dedicati, arriverà in un cartone anonimo, pronto per l’utilizzo. Nell’acquisto del primo vibratore si consiglia la tipologia classica che riprende la forma del pene, con dimensioni naturali, consentendone un facile utilizzo.

Vibratori particolari per nuove sensazioni.

Se vi siete stancati del solito vibratore, potete optare su un modello più particolare, il vibratore Rabbit, chiamato così perché di forma simile a quella della testa di un coniglio, vi procurerà una doppia stimolazione, sia della parete vaginale, come quello classico sia del clitoride grazie alla sua forma, vi procurerà un doppio orgasmo senza precedenti.

Il vibratore da usare sotto la doccia.

Gli amanti del sesso in acqua, nella vasca, o sotto la doccia, invece non potranno rinunciare al modello Jelly, è composto da un materiale morbido e flessibile, molto spesso contraddistinto dai colori fluo, la sua composizione permette una perfetta permeabilità, che lo rende adatto all’utilizzo anche sotto l’acqua.

Il vibratore per il clitoride.

il vibratore che stimola il clitoride, è un esperienza molto intensa, la forma si differenzia dagli altri vibratori, e più piccolo e di forma ovale allungata, creato per adattarsi alla forma della vagina senza problemi. Il comando è solitamente a parte legato allo stesso da una piccola cordicina, attivabile in qualsiasi momento vogliate.

Stimolare il punto g.

Esistono, per fortuna, i vibratori in grado di stimolare facilmente il punto g, che come ben sappiamo non sempre raggiungibile, con il classico rapporto vaginale, questo vibratore a differenza di quello classico, non presenta la punta arrotondata, ma ha una particolare curvatura che vi permetterà di trovare il vostro punto g. Una volta provato da sole potrete proporlo al partner e inserirlo all’interno della vostra vita di coppia.

L’eccitazione che provoca un vibratore può essere positiva e entusiasmante, conoscere il proprio corpo, vuol dire conoscere la propria sessualità, sapere come raggiungere l’orgasmo può aiutare il compagno a esplorare al meglio il vostro mondo di piacere.

Inoltre l’utilizzo del vibratore nell’autoerotismo ci fà vivere un esperienza intensificata, grazie al suo uso versatile, non avremmo mai problemi nella scelta di quello più adatto al nostro corpo e al nostro desiderio.

 

About